Scheda - Vedute di Faito

domenica 13 aprile 2014

Accompagnatore: Bruno Tribioli.

Difficoltà: E

Magnifico anello nei boschi dei Simbruini, che permette di addentrarsi in una zona nascosta del Parco, ai confini della Riserva integrale.
L’escursione è riservata a persone allenate.

Appuntamenti

Ore 8:30 a Largo della Primavera. Appuntamento successivo alle 10:00 a Trevi nel Lazio.

Da Roma si prende la A1 in direzione Napoli e si esce ad Anagni/Fiuggi; si prende la SR 155 rac per Fiuggi, ma al km 8 si devia a sinistra per Piglio, si superano gli Altipiani di Arcinazzo e si raggiunge Trevi nel Lazio. Il secondo appuntamento è all’inizio del paese, all’incrocio tra la SP 38 (da dove si proviene) e via Battisti, al caffè Gran Brazil.

Itinerario

Da Trevi nel Lazio si prosegue in auto per circa 2 km verso Filettino e si parcheggia a Fonte Suria.
Si prosegue a piedi per una strada bianca prima verso nord; si raggiunge un’area attrezzata e si piega a destra fino a raggiunge l’imbocco di una mulattiera, che si trasforma presto in sentiero e si inoltra nel bosco. Si sale a lato di un fosso, superando poi una piccola sella; si prosegue in leggero saliscendi tra splendidi faggi e si raggiunge l’isolata radura delle Fontane di Faito. Si ritorna sui propri passi per circa 200 metri, lasciando a destra il sentiero dell’andata e proseguendo invece verso sud per una mulattiera che scende con piccoli tornanti nel bosco; con una breve deviazione a quota 1400 circa si raggiungono le Vedute di Faito (1488 m), poi si riprende a scendere nel bosco fino a incontrare una carrareccia che riporta al parcheggio.

Dislivello: 800 metri.

Tempo totale: 6 ore circa

Attrezzatura

Scarponcini da trekking, abbigliamento a strati con maglietta termica, pile e giacca a vento; cappello e guanti; cappellino, crema e occhiali da sole; bastoncini da trekking; macchina fotografica, binocolo.
Assolutamente vietate calzature “minori” quali scarpe da ginnastica.
Cambio vestiario completo da lasciare in auto.


La prossima gita organizzata da Arcoiris sarà sul monte Alto, il 27 maggio.