Resoconto - Monte Turchio

sabato 15 giugno 2013

Al Monte Turcio, miei prodi!

Peperoni. Peperoni rossi. Questo eravamo, alla fine dell’escursione andreasiana di ieri, sabato 15 giugno. Esistono i comandamenti e i comandati; esistono i dieci comandamenti, ma noi eravamo i dieci comandati; anzi, comandati no, perché non ce l’aveva ordinato il medico. Eravamo (divisi per auto): Andreas, uomo solo al comando; Peppe, Patrizia e Catharina; Luciano, Lucilla e Caterina, che avevano pernottato a Pescasseroli (cena al ristorante e B&B, poverini per non svegliarsi presto), le sorelle Carlomagno Antonietta e Anna con migo (sempre l’inglese, no).

Io sono andato all’appuntamento, che era fissato alle 7,40, a Largo della Primavera (e, infatti, siamo entrati ormai in piena estate: quando la finirete con queste stupide battute, chi lo sa: ormai, nessuno sa più niente, dopo che il PD era stato dato per morto, invece è risorto alle elezioni di maggio, realizzando il famoso… cappotto del 16 a zero: io no so voi, ma qui non si può tentare di prevedere più niente. Niente.).

Ma eravamo rimasti? Ah, sì: all’appuntamento con le Carlomagno. Partiamo precisi; e precisi arriviamo al valico di Gioia Vecchio (non è un’errata concordanza, si chiama proprio così) è a 1400 metri e ti accoglie, offrendoti la vista di una facciata-gioiello di una chiesetta, forse rinascimentale, e di un panorama mozzafiato sulla vallata sottostante: te credo che qua nel periodo estivo Dacia Maraini allestisce performances, e qui l’inglese ci vuole, teatrali; sono le 9,30.

Lassù c’è già Andreas, orso marsicano con occhietti azzurri, azzurri come il mare. In pochi minuti arrivano tutti gli altri e il gruppo, compatto, con le auto si dirige al vicino Passo del Diavolo: niente paura, il diavolo di fronte a una giornata così limpida e serena, se l’è data a gambe. Destinazione monte Turcio a metri 1898: ma facendo un olimpionico salto in alto, si toccano i 2.000 metri; la salita, comoda tutto sommato, dura un paio d’ore; in vetta c’è troppo vento, quindi scendiamo un po’, per metterci al riparo e consumare il nostro frugale pasto.

Da Pescasseroli Caterina e Lucilla hanno portato la famosa pizza bianca e quella rossa, Andreas – come è arcinoto – non fa mai mancare tocchi di porchetta; eppoi, chi ha aperto il portapranzo con dentro pomodori col riso e patate, e chi la solita frittatina, sbattuta sommessamente, per non svegliare, nel cuore del sonno, Elsa e i vicini; io, veramente m’ero portato anche polpette ricotta e spinaci, ma le ho riportate indietro, perché lo troppu struppia, dicéa ziema Irena…

La discesa dall’atro (no, no, errore di battuta: leggere “altro”) versante è durata circa due ore (che fanno quattro) e ci ha portato alla sorgente “Le Prata”; e poi c’è voluta ancora un’ora e mezza per tornare alle macchine: insomma, un’escursione fra le cinque e le sei ore (pause escluse, come annota Andreas) è una bella escursione, un’escursione all’antica, dove si suda e si beve parecchio. Ma che ve lo dico affà? Molti di voi ormai preferiscono le escursioni cittadine o turistiche (Giglio, Capri, Ischia, Saint Tropez). Gente, mi ricordate gli “Ozi di Capua”; e spero sappiate com’è finita la storia di quella spedizione annibaliana. Alla Prossima. Gualtiero.


Icona pin Vedi la scheda di questa gita.

La prossima gita organizzata da Arcoiris sarà sul monte Alto, il 27 maggio.