Resoconto - Riserva del monte Catillo

domenica 24 gennaio 2016

Finalmente l’eccezione!

Devo dire che un po’ di preoccupazione ce l’avevo. Ansia da proverbio direi. Dopo due volte che proviamo a fare sta’ camminata a gennaio… cosa ci deve succedere questa terza volta? E invece no… c’è toccata l’eccezione! Tempo splendido. Abbiamo fatto una bella passeggiata sotto il sole e faceva proprio caldo! Il percorso, che non era faticoso, ci ha consentito un passo sereno e, senza ansimare, qualche bella chiacchierata. Con Gualtiero abbiamo parlato dei fumetti che leggeva nel ‘49 (tanto la questione dell’età vale solo per le signore). Abbiamo anche potuto ammirare le sughere nel bosco, ci spiega Luciano che sono rare dalle nostre parti, e toccarne con gusto la parte morbida (vabbè non si fa, ma sono stata lieve e delicatissima… dicono tutti così… non lo farò più… forse…).

Una cosa mi ha colpito in maniera particolare. Abbiamo camminato in un bosco in cui erano presenti tutte le stagioni contemporaneamente. Era spoglio come in inverno, c’erano ancora foglie secche attaccate ai rami come in autunno, c’erano i primi fiori della primavera ed era asciutto come d’estate. E se questo può avere qualcosa di magico, nasconde – come nelle favole – un’insidia: i cambiamenti climatici si stanno rivelando lenti e implacabili.

Intanto cambiamo anche noi e Tonino non porta la macchina fotografica di cui è sempre molto fiero. “Pesa” – dice – e fa le foto col telefonino… che caduta di stile! Per fortuna c’è Claudio che ne sfoggia una niente male, speriamo che ste’ foto ce le farà vedere lui!

Alla fine della passeggiata ci aspetta l’accogliente rustico di Lucilla e soprattutto il pranzo. Buono come sempre e sontuoso come un pranzo di nozze, però stavolta gli sposi ci sono davvero e anche il brindisi e il “bacio bacio”. Roberto ci ha guardato serafico con la faccia da “ma ce l’avete con me?!” e Francesca ci ha guardato allibita… non l’abbiamo convinti… però lo posso testimoniare… la sposa era bellissima!

L’ora seria della giornata è dedicata al bilancio 2015, ai progetti di solidarietà a cui destinare il nostro “tesoretto”. Massimo ne illustra uno a cui propone di contribuire: è in favore della Primula, un’associazione che opera a Roma in zona Centocelle e che si occupa di ragazzi disabili. La relazione di Elsa è seria e puntuale. Natalino, new entry 2016, la ascolta attento e colpito… non conosce il piglio e la forza della signora. Si metterà in fila per primo, compito e con i suoi soldini in mano, essenza dell’entusiasmo del neofita e del rispetto per la nostra economa. Ovviamente, noi tutti dietro a far confusione…

Un tramonto rosso fuoco si porta via la giornata e la malinconia di una donna che, ancora una volta, ha dato a tutti noi una lezione di coraggio. E con il crepuscolo ci rimane la gioia di avere Anna con noi.


Icona pin Non è disponibile una scheda per questa gita.

Icona fotocamera Vedi le foto di questa gita.

Il calendario Arcoiris 2018 è in preparazione: visite urbane, gite giornaliere in montagna, week-end in rifugio, trekking. Non mancate!